16 Settembre 2021

Cambiamo il sistema, non il clima

Il 24 settembre il movimento Fridays For Future torna a mobilitarsi a livello globale per ribadire ancora una volta che l’emergenza climatica è già in atto con conseguenze drammatiche.

Siamo sempre di più persone a non accontentarci delle operazioni di greenwashing di banche, aziende e istituzioni: vogliamo un cambiamento radicale, la netta inversione di rotta di un sistema economico che sta distruggendo il nostro pianeta e che continua ad alimentare ingiustizie e disuguaglianze. Lo chiediamo alla politica e lo mettiamo in pratica con le nostre scelte quotidiane.

Sottoscriviamo la campagna Ritorno al Futuro lanciata dagli attivisti e le attiviste di Fridays For Future Italia

Ripensare il sistema agroalimentare
Promuovere la transizione verso un’agricoltura che salvaguardi i suoli e gli ecosistemi e che sia più sostenibile a livello climatico.

Rilanciare l’economia investendo nella riconversione ecologica
Creare centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro puntando su energia rinnovabile diffusa, mobilità sostenibile, efficientamento energetico degli edifici.

Tutelare la salute, il territorio e la comunità
Promuovere la tutela e la messa in sicurezza dei territori, implementare opere che garantiscano la riduzione dell’inquinamento e la revisione sostenibile dell’intera filiera produttiva.

Realizzare la giustizia climatica e sociale
Tutelare i lavoratori e le lavoratrici, i territori e le fasce della popolazione più esposte alle conseguenze della crisi economica e climatica.

Promuovere la democrazia, l’istruzione e la ricerca
Vogliamo una società in cui esista maggiore partecipazione democratica nelle scelte collettive. Aumentare il finanziamento dell’istruzione pubblica e della ricerca assicurandone l’accesso e garantendo che siano condotte in maniera trasparente e libera da conflitti di interesse.

Costruire l’Europa della riconversione e dei popoli
Aumentare la portata del Green Deal europeo, al fine di alzarne i target climatici, e superare il paradigma dell’austerità a livello europeo.

Riaffermare il ruolo pubblico nell’economia
Stimolare l’economia con sussidi pubblici vincolati alla riconversione ecologica e istituire una programmazione precisa per una rapida riconversione verso imprese sostenibili.