Chiusura prossimo ordine giovedì 1 dicembre – prossimo ritiro martedì 6 dicembre

ANNULLATO LO SPETTACOLO IL MONSONE PREVISTO PER LUNEDI 28 MARZO

Purtroppo questa mattina l’attore ci ha chiamati per avvisarci che è in quarantena perché positivo al Covid.
Con immenso dispiacere siamo obbligati ad ANNULLARE lo spettacolo previsto per lunedì 28.
Cercheremo di recuperare la data appena possibile.

 

Filiera Corta Solidale, in collaborazione con FLAI CGIL Cremona e il coordinamento di Libera Cremona, vi invitano allo spettacolo di teatro civile “Il monsone – una storia di caporalato” di Beppe Casales, dedicato al tema dello sfruttamento del lavoro in agricoltura.

Lunedì 28 marzo alle ore 21:00 al Teatro Filo, in piazza Filodrammatici a Cremona.

Lo spettacolo, ispirato al libro “Sotto padrone” di Marco Omizzolo, parla di cosa producono le agromafie, di cosa c’è dietro al cibo che mangiamo, della violenza del caporalato sul corpo delle donne e degli uomini migranti.
Il progetto è patrocinato da Avviso Pubblico, Associazione nata nel 1996 per riunire gli Amministratori pubblici che si impegnano a promuovere la cultura della legalità democratica.

Beppe Casales lavora come attore professionista dal 1998. Ha lavorato tra gli altri con Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Michela Cescon, Mirko Artuso.
Dagli anni 2000 la sua ricerca artistica si concentra sul teatro di narrazione, un teatro popolare.
Seguendo una continua ricerca di un linguaggio originale ha messo in scena “Salud”, “Einstein aveva ragione”, “Appunti per la rivoluzione”, “La spremuta – Rosarno, migranti, ‘ndrangheta” (selezionato per il Torino Fringe Festival 2013 e vincitore del premio “LiNUTILE del teatro” 2013), “L’albero storto – una storia di trincea” (selezionato come miglior drammaturgia e finalista al Fringe Festival di Roma), “Welcome” (patrocinato da Amnesty International Italia), “Nazieuropa” (vincitore del bando Theatrical Mass 2019), “Cara professoressa” e “Il Monsone”.
Ha fatto parte di CRISI, laboratorio di scrittura permanente a cura di Fausto Paravidino, progetto del Teatro Valle Occupato.

Riconoscimenti:
Vince come miglior attore con “Nazieuropa” al Premio Mauro Rostagno 2021.
Vince il Bando Theatrical Mass 2019 e viene selezionato per il Festival nazionale del teatro di resistenza 2019 dell’Istituto Cervi con “Nazieuropa”.
Vince il premio “Miglior drammaturgia” ed è semifinalista al Roma Fringe Festival 2015 con lo spettacolo “L’ALBERO STORTO”.
Vincitore del premio nazionale “Linutile del teatro 2013” con lo spettacolo “La spremuta”.

Ingresso a offerta libera (l’incasso sarà devoluto a sostegno del progetto Cassette Solidali Sospese).
Con green pass e mascherina FPP2.

Evento in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Cremona.

 

Torna in cima