a-cena-con-luchino-visconti_luca-glebb-miroglio

A cena con Luchino Visconti

Gratis!

A cena con Luchino Visconti: banchetti e osterie tra decadenza e neorealismo
Luca Glebb Miroglio
Leone Verde, 2010
96 p. ; 22 cm

Ossessione, Senso, Bellissima, Il Gattopardo, La caduta degli dei, Morte a Venezia, Ludwig, sono alcuni dei film di uno dei più grandi registi del cinema italiano: Luchino Visconti. Aristocratico e comunista, fu definito il primo dei neorealisti ma anche l’ultimo dei decadenti; nei suoi film raccontò storie stritolate nella Storia, scandalizzò, al cinema e a teatro, innovando e lavorando con i grandi attori del suo tempo – nella lirica fu lui a creare la diva Maria Callas. Lascia un corpus importantissimo di opere e di insegnamenti che oggi sono patrimonio della civiltà italiana.
Attraverso i suoi film – e con un occhio al ruolo che il cibo ha in essi – si rileggono grandi romanzi e momenti della storia europea, si esaminano diverse situazioni sociali e culturali e si apprezza l’abilità descrittiva, l’amore per il particolare e per le psicologie umane di un grande uomo di cultura. [da Leoneverde.it]

Luca Glebb Miroglio, autore di alcuni titoli dedicati alla cultura gastronomica pubblicati nella collana Leggere è un gusto! de Il leone verde edizioni (Alla ricerca della madeleine, Cuoche sull’orlo di una crisi di nervi, Manhattan a tavola: delicatessen, bistrot, trattorie e A cena con Luchino Visconti). Fondatore di un’importante agenzia di comunicazione, si interessa di musica, psicologia, organizzazione culturale e dei legami tra il cibo e la cultura. Vive a Torino.

Puoi prendere in prestito questo libro per un mese. Per richiedere il prestito ti basterà aggiungerlo alla spesa di “soli freschi“. Il libro sarà disponibile per il ritiro il martedì successivo, contestualmente alla prima distribuzione utile di “soli freschi”, presso lo spazio Filiera al Centro di via dell’Annona 11.
Il libro andrà riconsegnato, sempre nei giorni di ritiro della spesa di “soli freschi”, allo spazio Filiera al Centro.
Sarà possibile rinnovare il prestito per un secondo mese, contattando direttamente la Biblioteca del Seminario Vescovile di Cremona:
– di persona in via Milano 5 (lunedì 8,30 alle 13,30; dal martedì al venerdì 8,30-12; 14-17,30);
– via telefonica (0372458289);
– via mail (biblio.seminario@gmail.com).

Per ulteriori dettagli sulletempistiche, controlla il foglietto (talloncino di prestito) che ti verrà consegnato insieme al libro.

La mancata restituzione o manomissione del libro comporta l’addebito dell’intero prezzo di copertina per i libri ancora in commercio e il doppio del prezzo di copertina per i libri fuori catalogo. I libri non devono essere sottolineati o segnati, ma trattati con cura: sono un BENE COMUNE!

Netto per unità di vendita: 1 pz.
COD: 0963 Categoria: