Modi di vedere / Berger, J.

0,00

Esaurito

Modi di vedere
Berger, John
Bollati Boringhieri, 2015
158 p. ; 22 cm.

La formidabile capacità di sguardo, l’intensità dell’emozione di un autore contemporaneo. Questa raccolta di testi e immagini in parte inediti ricompone per la prima volta i molti aspetti di un’opera che ha la caratteristica più unica che rara di presentarsi come dispersa nella sua molteplicità. Di volta in volta narratore, sceneggiatore cinematografico, autore teatrale, giornalista, critico letterario. Critico d’arte, sempre impegnato nelle grandi cause dell’umanità – dal destino dei lavoratori migranti in Europa alle recenti testimonianze sulla realtà palestinese – John Berger ha scelto la non specializzazione e la non professionalizzazione come stile di vita. E come il solo modo possibile per restare partecipe di una realtà fatta di rapporti personali, contatti fisici, scambi emotivi che escludono qualsiasi forma di astrazione ideologica, garantendo l’aderenza a una realtà colta sempre in modo diretto e personale. Tra i testi scelti e curati da Maria Nadotti, la testimonianza su Ramallah, l’intervista sulla collaborazione con il regista Alain Tanner o le pagine su Tiziano e Caravaggio danno un’idea della ricchezza e dell’altezza di ispirazione di uno dei più grandi autori contemporanei.

Puoi
prendere in prestito questo libro per un mese. Per richiedere il prestito ti basterà
aggiungerlo alla spesa. Il libro sarà disponibile per il ritiro il martedì successivo,
, contestualmente al ritiro della tua spesa, presso lo spazio Filiera al Centro
di via dell’Annona 11.

Se vorrai rinnovare il prestito per un secondo
mese, basterà chiedere alla Biblioteca del Seminario Vescovile di Cremona: via telefonica
(0372458289); via mail (biblio.seminario@gmail.com).
Per ulteriori dettagli
sulle tempistiche, controlla il foglietto (talloncino di prestito) che ti verrà
consegnato insieme al libro.

La mancata restituzione o manomissione
del libro comporta l’addebito dell’intero prezzo di copertina per i libri
ancora in commercio e il doppio del prezzo di copertina per i libri fuori catalogo.
I libri non devono essere sottolineati o segnati, ma trattati con cura: sono un
BENE COMUNE!

Titolo

Torna in cima