monocolture-della-mente

Monoculture della mente di V. Shiva

Gratis!

Monoculture della mente. Biodiversità, biotecnologia e agricoltura “scientifica”
Vandana Shiva
Bollati Boringhieri, 1995
170 p. ; 20 cm

Vandana Shiva avvia qui una riflessione, condotta con passione ma argomentata sempre con grande concretezza, sulla protezione della biodiversità, sulle implicazioni della biotecnologia e sulle conseguenze per l’agricoltura della preminenza a livello mondiale del sapere scientifico occidentale condotta da un punto di vista che è in grado di affrontare simultaneamente i problemi dello sviluppo, dell’ambiente e della posizione delle donne nella società.
Per l’autrice il pensiero scientifico occidentale ha condotto a un sistema di monocoltura che viene attualmente imposto al Sud del mondo a spese delle tradizionali esperienze indigene, più fondate ecologicamente e in grado di garantire un’agricoltura e un allevamento realmente sostenibili.
Largo spazio è dedicato alla distruzione attualmente in corso della foresta tropicale, sostituita da monocolture imposte nel nome della produttività, e ai processi d’impoverimento e distruzione del tessuto sociale che ne conseguono, precedendo l’inevitabile isterilimento dell’ambiente.
Più in generale, nel discutere i limiti della recente Convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità (riportata in appendice), Vandan Shiva denuncia gli interessi che stanno dietro le biotecnologie, ne contesta le pretese di migliorare le specie naturali e sottolinea i problemi etici e ambientali che esse pongono. [dal libro]

Vandana Shiva, scienziata e filosofa indiana, è esponente diprimo piano del movimento ecofemminista. Direttrice della Research Foundation for Scienze, Technology and Resource Policy, milita attivamente contro la distruzione dell’ambiente nella società indigena. Tra le sue opere in traduzione italiana: Monoculture della mente (1995) Il mondo sotto brevetto (2002), Terra madre (2002), Le guerre dell’acqua (2003), Le nuove guerre della globalizzazione (2005), Il bene comune della terra (2006), India spezzata (2008), Ritorno alla terra (2009) e Campi di battaglia (2009).

Puoi prendere in prestito questo libro per un mese. Per richiedere il prestito ti basterà aggiungerlo alla spesa di “soli freschi“. Il libro sarà disponibile per il ritiro il martedì successivo, contestualmente alla prima distribuzione utile di “soli freschi”, presso lo spazio Filiera al Centro di via dell’Annona 11.

Il libro andrà riconsegnato, sempre nei giorni di ritiro della spesa di “soli freschi”, allo spazio Filiera al Centro.
Sarà possibile rinnovare il prestito per un secondo mese, contattando direttamente la Biblioteca del Seminario Vescovile di Cremona:
– di persona in via Milano 5 (lunedì 8,30 alle 13,30; dal martedì al venerdì 8,30-12; 14-17,30);
– via telefonica (0372458289);
– via mail (biblio.seminario@gmail.com).

Per ulteriori dettagli sulletempistiche, controlla il foglietto (talloncino di prestito) che ti verrà consegnato insieme al libro.

La mancata restituzione o manomissione del libro comporta l’addebito dell’intero prezzo di copertina per i libri ancora in commercio e il doppio del prezzo di copertina per i libri fuori catalogo. I libri non devono essere sottolineati o segnati, ma trattati con cura: sono un BENE COMUNE!

Netto per unità di vendita: 1 pz.
COD: 0929 Categoria: